La disposizione dei Canti

Che cosa leggere allora nella disposizione dei Canti?
Per rispondere si dovrebbe partire da uno schema che evidenzi in
sintesi, ma con completezza, quali sono le tematiche centrali di ogni
Canto o gruppo di essi.
Ma si tratterebbe di un lavoro molto complesso, per il quale certo non
sono fornita degli strumenti necessari. Tuttavia, partendo dalle parole
di Giacomo ho fatto qualche osservazione che vi propongo, nella
speranza di dare uno spunto di discussione soprattutto ai nuovi
arrivati.
Ad esempio, se guardiamo ai primi Canti, come All’ Italia e Sopra il
monumento di Dante, possiamo estrarre da essi il concetto che è
necessario guardare al passato esemplare per riscuotersi dal presente
umiliante.
Le rovine appaiono essere il simbolo di quel passato glorioso che si contrappone al presente negativo.
“ Mira queste ruine
E le carte e le tele e i marmi e i templi”;
“Opatriamia,vedolemuraegliarchi
E le colonne e i simulacri e l’ erme
Torri degli avi nostri”.
Per contro, nella Ginestra, quelle stesse rovine (“or tutto intorno una
ruina involve”) diventeranno simbolo di un passato esattamente uguale
al presente, in cui la Natura sovrasta imprevedibile e rovinosa nelle
sue manifestazioni l’ umano esistere.
Quindi la contrapposizione, passato positivo/presente negativo, ben
evidenziata all’ inizio della raccolta, progressivamente sembra si vada
perdendo, in una sorta di inesorabile processo di abbandono, che
coinvolge anche altre tematiche, come quella parallela del tempo
individuale dell’uomo nella contrapposizione iniziale
giovinezza/vecchiaia.
Sembra che il pensiero, progredendo, anzichè articolarsi e ramificarsi
in distinguo, tenda, al contrario, a semplificare e a stabilire nessi
di identità. Questa sorta di percorso a ritroso, che potrebbe essere
efficacemente rappresento dall’ immagine di una mano che stringe un
pugno di sabbia, la quale scivola via, fino a che non rimane di essa
che un solo sparuto granello, la Ginestra, pone Giacomo in una
posizione del tutto a sé stante, a me sembra, rispetto ai filosofi
tradizionali. Il filosofo sistematico costruisce, articola, dispiega ed
applica il suo principio ai vari ambiti della realtà, dentro e fuori
dell’ io. Giacomo invece, con una sorta di graduale e rigoroso
sfrondamento del pensiero di tutto ciò che è artificiosa e fuorviante
duplicazione,perviene a quel distillato poetico e filosofico,
rappresentato dalla Ginestra, che rappresenta una chiave di lettura
coerente di tutta la realtà, dalla storia generale a quella particolare
del singolo, dalla morale alla politica e che realizza,certo in modo
non convenzionale, ma sostanziale quella sistematicità che spesso si è
negata al suo pensiero.
Per quanto poi riguarda la collocazione della lirica del Passero
solitario posso intanto fare questa osservazione: la collocazione
cronologicamente arretrata del testo, nell’ordine dei Canti, sembra
quasi dare la concretezza di un gesto al “Volgerommi indietro” dell’
ultimo verso.
Viene così di nuovo in gioco il tempo, in questo caso il tempo
interiore. Il Poeta ha già sperimentato il rimpianto del passato, se,
come appare corretto ipotizzare, la lirica venne composta non prima del
1831, tuttavia il sentimento di nostalgia della giovinezza perduta
viene posto in una previsione proiettata verso il futuro. Forse
Giacomo, che all’ epoca viveva lontano da Recanati nè vi sarebbe più
tornato, potrebbe aver recuperato con il ricordo uno stato d’ animo
appartenente al passato. In questo senso la genesi del Passero
solitario potrebbe avere qualcosa in comune con quella di A Silvia.
Scusate la lunghezza, un saluto a tutti voi!
                                  
Postato da Carmelina
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: