La replica del cattedratico

 

Messaggio/Message

[Argomenti/Subjects]  [Rispondi/Give an Answer]

Argomento/Subject:

2° intervento del Prof.Folin

Nome/Name:

amministratore

Data/Date:

20/11/2007 12:45

(Il Prof. Folin attraverso l’amministratore interviene nel Forum chiarendo la posizione del Comitato Scientifico sul Bando Tesi di Laurea. I forumisti sono pregati d’intervenire con la dovuta pacatezza degna di questo Forum. Grazie! L’amministratore)

Vorrei gentilmente rispondere alle due lettere che ho potuto leggere in risposta alla mia nota inviata al Forum. Gentilmente, appunto, al contrario dell’irruenza sconsiderata e talvolta offensiva di chi ritiene di urlare frasi scomposte invece che ragionare pacatamente. Miei cari studenti e neolaureati: aprire il bando alle lauree specialistiche o quadriennali, è forse chiudere ai giovani? Un laureato con laurea specialistica ha mediatamente 24- 25 anni. E’ vecchio? Forse per voi che volete tutto e subito, non per qualunque altra persona (giovane o non giovane) provvista di un minimo di buon senso. Francamente ho sempre ritenuto che questo “largo ai giovani” di fosca memoria non abbia molto senso e sia di una demagogia disarmante. Non è che lo pensi adesso che mi avvio alla vecchiaia: l’ho sempre pensato, anche quando di anni ne avevo venti. Vi sono giovani di grande valore, e vi sono giovani che sono solo capaci di urlare “vergogna” con argomenti proprio inconsistenti. Allo stesso modo, ci sono “vecchi” studiosi che ancora continuano a lavorare proficuamente, accanto a baroni accademici che trascorrono la loro vita a spartirsi cattedre e privilegi. Posso assicurare che nessun membro del comitato scientifico appartiene a questo secondo gruppo. Bisognerebbe che faceste qualche sforzo per conoscerli meglio, invece che sparare schizzi di fango in ogni direzione. Inoltre: vi sono studenti che, iscrittisi alcuni anni fa (con il vecchio ordinamento) hanno dovuto lasciare gli studi perché costretti a mantenere se stessi e/o la famiglia. Perché penalizzarli? Per i figli di papà che invece possono dedicarsi tutto il giorno allo studio (non si sa con quale profitti) senza nessun problema economico? L’affermazione che chi ha messo molto tempo a laurearsi deve essere considerato un mediocre, non fa onore a chi l’ha scritta.
Ciò che Leopardi detestava di più era l’esibizionismo. Il suo lavoro è sempre proceduto nel nascondimento. Nascondere la propria abilità tecnica è la condizione imprescindibile del “Sublime”. Edmond Jabès, quel grandissimo poeta-filosofo che penso conoscerete, raccomandava “parler le plus bas possible, pour ce possible”.
Non fa bella impressione vedere tutte queste urla esagitate attorno alla poesia. Non fa bene né a voi, né alla poesia.
Dunque: perché tutta questa animosità? E’ vero che esistono lauree triennali di pregio, ma sono pochissime e – se dovessimo aprire il bando a tutti indiscriminatamente – ci troveremmo sommersi di un materiale talmente immenso da compromettere la serenità della valutazione. Al contrario, chi ha già fatto un buon lavoro, può ulteriormente approfondirlo. Vi sembra che questi argomenti siano offensivi? Che ci vogliamo ritirare nella “torre d’avorio” (altro luogo comune da strapazzo).
Per ciò che riguarda quel giovane laureato che vuole buttare i mili libri dalla finestra, si accomodi pure: ci sarà forse chi li raccoglierà e ne trarrà maggior profitto.

Alberto Folin

Dopo di che, il forum è stato chiuso. w. la democrazia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: