Carlo Bò

"Leopardi non è stato un pessimista e neppure un razionalista disilluso e sconfitto dai suoi giorni, è stato invece un grande distruttore delle nostre così modeste illusioni e infatuazioni. Ha accettato di restare nudo così come quando era stato cacciato dal paradiso, al contrario di quello che facciamo noi abitualmente e di quello che sanno fare bene o male gli scrittori che si pavoneggiano e nascondono dietro i loro panni, che devono essere sempre più ricchi e ornati di facili promesse, la loro miseria. Ecco perché spesso è inutile esercitare la propria acribia sui suoi testi e sui documenti d’archivio, a noi deve bastare la purezza cristallina della sua poesia, il suo denudamento e la sua disperata e mai detta fede in Dio".
(29.6.1998)
 

Pubblicato da Maria GraziaRosa rossa

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Marco
    Nov 11, 2007 @ 11:45:24

    Da ragazzo, ho studiato il Leopardi. Grazie Giacomo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: