A proposito di spiritualità.

Leggo il brano proposto da Giuseppe, e mi viene da fare questa considerazione. Giacomo guardava alla realtà con occhio pulito e limpido. Semplicità, linearità, evidenza erano le sue chiavi di lettura e di interpretazione.In sostanza erano gli stessi strumenti che utilizzava quando il suo sguardo si posava sui testi latini, greci, ebraici ecc. la sua geniale predisposizione per le lingue si può spiegare soltanto con una forma mentis vergine, rimasta ancorata ad una originaria semplicità,che gli permetteva di cogliere, e soltanto successivamente di elaborare,il significato primo ed elementare di un vocabolo. ma la lingua è una costruzione dell’ uomo,che, il più delle volte, è portato ad elaborare, a costruire, è una struttura complessa, in cui, partendo dal semplice, si deve risalire all’ articolato. La lettura della realtà esige uno sforzo molto, molto inferiore. Buona giornata a tutti voi, Olimpia, nuova amica, ciao!!

Carmelina

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Giuseppe
    Lug 27, 2006 @ 10:44:39

    Che vuoi dire, Olimpia?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: